FORICALABRESI.IT

Ven07252014

Last updateGio, 24 Lug 2014 6pm

Rivista n.174 giugno/2014

Back Sei qui: Home NOTIZIE New Notizie Calabria Regione Calabria. Interventi a sostegno delle famiglie: 4mila famiglie calabresi potranno accedere al credito sociale

Regione Calabria. Interventi a sostegno delle famiglie: 4mila famiglie calabresi potranno accedere al credito sociale

La Regione Calabria interviene con il credito sociale, questo è quanto si apprende dal comunicato stampa del Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti e dell’Assessore alle Politiche Sociali Nazzareno Salerno, i quali hanno presentato il progetto di intervento di credito sociale “micro finanza come strumento di contratto alla povertà assoluta”, assunto con la Delibera di Giunta del 11/09/2013 in favore delle famiglie che vivono situazioni temporanee di disagio. Le risorse complessivamente disponibili per il finanziamento dell’intervento, ammontano a 20 milioni di euro, a valere sul POR Calabria FSE 2007-2013, e si stima possano beneficiare di questo intervento circa 4 mila famiglie calabresi (per una media di 5mila euro di finanziamento a famiglia).

Attraverso lo strumento del “credito sociale” con la costituzione di un fondo di rotazione, che rappresenta una forma innovativa ispirata ai principi del microcredito, verranno erogati finanziamenti a favore di persone fisiche appartenenti a nuclei familiari residenti in Calabria che versano in condizione di vulnerabilità e temporanea condizione di difficoltà finanziaria, per un importo massimo di 10 mila euro, per l’acquisto di beni e servizi primari.  Questi prestiti si propongono di consentire alle famiglie residenti nel territorio della regione di soddisfare le esigenze connesse a condizioni temporaneo di disagio concernente esigenze abitative, di tutela della salute o attinenti ai percorsi educativi e di istruzione o alla realizzazione di progetti di vita familiare, volti a sviluppare e migliorare condizioni sociali, economiche e lavorative delle famiglie stesse.  La restituzione delle agevolazioni, a cui viene applicato un tasso di interesse pari all’1%, dovrà avvenire entro cinque anni. Il requisito per l’accesso al credito sociale è determinato dal possesso di un reddito familiare complessivo lordo non superiore a15 mila euro, e fino a 30 mila euro sulla base della composizione del nucleo familiare calcolato sull’ultima dichiarazione dei redditi. “Si tratta di uno strumento molto importante – ha dichiarato il Presidente Scopelliti – mettiamo a disposizione delle famiglie calabresi in difficoltà venti milioni di euro, che consentiranno di andare incontro alle esigenze più urgenti. In una fase di criticità come questa, la buona politica deve recuperare soluzioni e fornire risposte alle esigenze del territorio. Lo strumento che abbiamo predisposto offre una risposta concreta all'utenza con un intervento diretto della Regione per i cittadini. Per farlo abbiamo usato uno strumento innovativo che è il fondo di rotazione che consente al fondo stesso di autoalimentarsi con la restituzione dei prestiti. Contiamo di far partire il progetto al più presto, cercando di intercettare circa quattromila famiglie calabresi”.  “Abbiamo individuato questo strumento - ha dichiarato l’Assessore Nazzareno Salerno - perché ci consente di intervenire direttamente come Regione e rispettare i tempi. Chi chiede il finanziamento dovrà avere una risposta entro 30 giorni. Per potere accedere ai fondi è richiesto un reddito massimo lordo di 15 mila euro per una sola persona o di 30 mila per un nucleo familiare di più persone. Con questo intervento – ha aggiunto l’Assessore Salerno - realizzato grazie anche al prezioso contributo volontario del dott. Antonello Cusumano che ci ha fatto le consulenze, è possibile anche l'estinzione di prestiti con le finanziarie. Se ci riusciremo, nel 2014, con la nuova programmazione, vorremmo anche incrementare la dotazione del fondo”.

Fonte: Ufficio Stampa- Regione Calabria