FORICALABRESI.IT

Gio10232014

ISSN

2384-9983

Back Sei qui: Home COMMENTI & CONTRIBUTI COMMENTI & CONTRIBUTI Avvocati e Magistrati Co.Re.Com Calabria. Riconosciuto all'utente indennizzo pari ad euro 1.622,50 per sospensione del servizio e perdita del numero telefonico

Co.Re.Com Calabria. Riconosciuto all'utente indennizzo pari ad euro 1.622,50 per sospensione del servizio e perdita del numero telefonico

Accipimus Editum. Il Corecom accoglie l'istanza dell'utente, pertanto il noto gestore telefonico, dovrà indennizzare l'utente e stornare le fatture, per indebita sospensione del servizio, per perdita della numerazione telefonica. Il caso è della Dott.ssa Tizia  (nome di fantasia) che sottoscriveva con la società telefonica, un contratto di telefonia mobile denominato Power 800, previa richiesta di portabilità della propria numerazione, già in uso dall’anno 1998. Lamentava inoltra che, in fattura, l’anzidetto operatore richiedeva il pagamento di €. 268,39 e che dal dettaglio traffico delle telefonate effettuate nel periodo di riferimento, emergevano rilevanti anomalie, senza identificazione delle utenze chiamate. L'utente provvedeva ad inoltrare tempestivamente un reclamo, prima attraverso il servizio on line e, successivamente, con raccomandata, chiedendo una verifica delle incongruenze riscontrate ed il ricalcolo degli addebiti e rinnovando la richiesta del dettaglio del traffico telefonico effettuato, con l’indicazione delle utenze chiamate. Lamentava, altresì,  che successivamente la società telefonica, procedeva alla sospensione del servizio; che la stessa, attraverso il proprio servizio clienti, si era limitata a comunicare di aver aperto una pratica di segnalazione, rilevando che la sospensione dell’utenza, in particolare del traffico in entrata, stava determinando un notevole danno alla propria attività professionale. 

In assenza di adeguato riscontro al reclamo, l’utente si vedeva costretta a depositare, tentativo di concoliazione presso il Corecom Calabria.

Al termine del procedimento di conciliazione, il Corecom Calabria riguardo al merito ha rilevato l'illegittima sospensione/disattivazione del servizio, con conseguente perdita del numero di titolarità dell’utente, e la mancata definizione del reclamo relativo ad addebiti per traffico anomalo, disconosciuto dalla medesima utente.

La decisione adottata in delibera quindi, è che l’operatore telefonico, è tenuto a liquidare in favore dell’utente mediante assegno o bonifico bancario gli importi di seguito indicati:

  1. euro 622,50 (seicentoventidue/50) a titolo di indennizzo per indebita sospensione del servizio;
  2. euro 1.000,00 (mille) a titolo di indennizzo per la perdita della numerazione;
  3. l’operatore telefonico dovrà disporre, in favore dell’istante, lo storno di euro 198,30 dalla somma complessiva di euro 396,61;
  4. Le somme così determinate a titolo di indennizzo e/o di rimborso dovranno essere maggiorate della misura corrispondente all’importo degli interessi legali calcolati a decorrere dalla data di presentazione dell’istanza di risoluzione della controversia;
  5. l’utente dovrà versare, a saldo di ogni suo debito, il residuo importo di euro 198,30, comprensivo degli importi per il pagamento delle Tasse di Concessione Governativa.
 

Fonte: Corecom Calabria - Delibera n.15 del 16.01.2012